Asolo e Dintorni

COLLI ASOLANI

Memorie storiche e panorami naturali, scorci medioevali e ville palladiane si fondono nella realtà unica del paesaggio che circonda Asolo. Adagiata dolcemente sui profili dei colli circostanti, Asolo è incoronata dalle forme morbide ed accoglienti di uno scenario mediterraneo di ulivi, viti e cipressi. Il gruppo collinare si innalza sulla pianura compresa tra Asolo a Cornuda; a nord è protetto dalla fascia pedemontana e un po' più ad ovest dal massiccio del Grappa. A tratti ricoperto da boschi inselvatichiti ancora ricchi di castagni secolari, si estende da un lato verso Monfumo, zona interamente coperta di vigneti, Castelli fino alla Valcavasia, dall'altro, verso ovest, nella zona di Fonte, San Zenone, Paderno, Crespano. Le cime assolate dei colli sono coperte da prati dove tra arbusti di rosa canina e ginepro, si alternano le eriche e gli anemoni colorati. Le valli ombrose sono solcate da rivoli d'acque sorgive, tra viole, anemoni, ciclamini, scoiattoli, caprioli, merli, fringuelli ecc... In questa natura ricca di flora e fauna, colpiscono i mutamenti di colori e di specie che accompagnano il succedersi delle stagioni. Colli asolani e monte Grappa offrono sicuramente la possibilità di passeggiate a piedi o a cavallo e percorsi di interesse naturalistico e geologico, nonché di splendidi itinerari cicloturistici.

 

UN GIRO ATTORNO AD ASOLO

Il paesaggio dell'arte e della storia 

Inserita in uno dei più interessanti comprensori storico artistici del Veneto, da alcuni anni Asolo fa parte di percorsi turistici importanti come, ad esempio, quello che la colloca nell’ esagono che in particolare la coinvolge assieme a Bassano, Marostica, Possagno, Castelfranco Veneto e Cittadella nella promozione di un territorio di straordinario valore ambientale, dove il patrimonio di una natura incantevole, delle città murate, delle opere artistiche e delle ville palladiane si mischia alla tradizione artigiana e ad una radicata vocazione culinaria.

L'intero circondario di Asolo è, dunque, costellato di siti e beni architettonici e culturali da non perdere! Cominciando nell'immediata periferia di questo splendido borgo si trovano subito ville e palazzi affascinanti come la Villa Barbini Rinaldi a Casella d'Asolo sulla strada per Maser, paese quest'ultimo legato indissolubilmente al capolavoro palladiano di Villa Barbaro. Facilmente raggiungibile è anche Possagno, patria dello scultore neoclassico Antonio Canova e luogo deputato a evocarne la vita e le opere, Gipsoteca, Tempio del Canova. Andando verso Altivole, merita menzione la monumentale Tomba Brion nella frazione di San Vito, opera architettonica di Carlo Scarpa eretta nel piccolo cimitero del paese; ad Altivole, invece, la tappa d'obbligo è il complesso del Barco della Regina Cornaro, residenza di campagna dell'ex regina di Cipro Caterina Cornaro della fine del XV sec. Infine a Fanzolo si trova Villa Emo Capodilista, altra opera palladiana, ora di proprietà del Credito Cooperativo Trevigiano. La zona è anche ricca delle memorie e delle testimonianze dei fatti che coinvolsero queste zone nelle vicende storiche del '900: sul Monte Grappa il Monumento Ossario dedicato ai caduti di tutte le guerre, con la Galleria Vittorio Emanuele ed il museo.

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Usiamo i cookies per rendere possibile il corretto funzionamento del sito web per ogni utente; utilizzando il nostro sito, accetti le nostre modalità di utilizzo dei cookies. Ulteriori informazioni